Come farsi la frutta secca a casa

La frutta secca ha molte proprietà benefiche:  aiuta a combattere il colesterolo, è utile per chi soffre di stitichezza, è consigliata a chi fa sport perché contiene molti sali minerali, ha effetti positivi sul fegato e aiuta la ricrescita dei capelli perché è ricca di zinco. E’ quindi un vero toccasana, ma c’è un punto dolente: il prezzo troppo alto.

Per risolvere questo problema c’è chi si è costruito un essiccatore fai da te (come viene spiegato nel video) e chi, invece, ne ha acquistato uno. Ma un buon prodotto può costare anche più di 300 euro e forse non ne vale la pena per seccare della frutta.

Per fortuna, però, esistono anche atri metodi facili, naturali e soprattutto economici per prodursi da soli della frutta secca :

L’essiccazione solare

Con l’essiccazione solare non si consuma energia perciò non ci sono costi. Ovviamente  è possibile farlo solo durante i mesi più caldi. E’ importante che la frutta da essiccare sia posta in luoghi ventilati e soprattutto al riparo dall’umidità, inoltre è consigliabile stenderla su griglie e pannelli metallici in acciaio inox inossidabile per non  compromettere il contenuto vitaminico. Si possono usare delle retine sottili come, per esempio, delle zanzariere, per tenere lontani gli insetti. Dopo l’essiccazione, è necessario conservare la frutta in barattoli di vetro che dovranno essere sigillati ermeticamente.

L’essiccazione in inverno

In inverno la soluzione ottimale è l’utilizzo del forno. Poche regole ma precise: usare la funzione del forno “ventilato” così il calore è costante e uniforme e non si rischia che la frutta si bruci; la temperatura non deve scendere sotto i 40 gradi e non superare i 60; ci vogliono almeno 4 ore, se non dovessero bastare mai superare le 12 ore.  Alcune persone suggeriscono di tenere il forno leggermente aperto.

Quale frutta essiccare

Fichi, albicocche, prugne, mele, pere, fragole, lamponi, ciliegie, ananas, arance e banane sono perfette da essiccare, ma anche i legumi si prestano molto come, per esempio, funghi, piselli, fagioli, fave e lenticchie.

Quali verdure essiccare

Per quanto riguarda le verdure, le migliori da essiccare sono carote, zucchine, peperoni e peperoncini, porri e cetrioli. Perfette anche le erbe aromatiche che servono sempre per insaporire i piatti, quindi salvia, prezzemolo, rosmarino e origano, basilico ma anche erba cipollina, alloro e timo.

Perché farlo

Con l’essiccazione non viene sprecato nulla, si mantengono le caratteristiche benefiche e nutritive della frutta e della verdura, e i prodotti vengono conservati a lungo.

About Alessandra Gaeta

Giornalista freelance