Tango: magia, sentimenti, passione!

Premetto che io non so e non ho mai ballato il Tango, ma giunto alla soglia dei miei sessant’anni ho capito che debbo avvicinarmi al mondo fantastico del ballo più passionale che ci sia.

Sì, il tanto è passione, armonia di corpi, sentimenti, erotismo. Un ballo che va oltre alla semplice interpretazione della musica, che ha la capacità di prenderti e di farti viaggiare in un mondo parallelo fatto di emozioni forti.

Dico questo non per esperienza personale, ma per aver letto negli occhi dei miei amici ed amiche quello che loro hanno cercato di descrivermi a parole per convincermi ad iniziare a ballare il Tango.

È pazzesco come un ballo che nasce in Argentina, in particolare a Buenos Aires, nella seconda metà dell’800, come espressione popolare, forma artistica, fatta di musica, danza, testo e canzone che ancora oggi abbia la capacità di far sognare.

Mi piace, parlando di Tango (notare la T maiuscola senso di grandezza ed importanza), riportare una frase di Miguel Ángel Zotto (Villa Ballester, 7 agosto 1958, ballerino argentino, tangoeletto tra i tre più grandi ballerini di tango di tutti i tempi)

Il tango non è maschio; è coppia: cinquanta per cento uomo e cinquanta donna, anche se il passo più importante, l’ “otto”, che è come il cuore del tango, lo fa la donna. Nessuna danza popolare raggiunge lo stesso livello di comunicazione tra i corpi: emozione, energia, respirazione, abbraccio, palpitazione. Un circolo virtuoso che consente poi l’improvvisazione.

Una descrizione sublime di quello che vuol dire danzare seguendo sentimenti ed emozioni. Ballare rappresentando un corpo unico che si lascia trasportare dalla musica, inventando e giocando ad ogni nota su passi ed interpretazioni.

Io sicuramente mi iscriverò presto ad una scuola di Tango e lo farò perché sento il bisogno di donarmi quelle sensazioni che penso di avere al mio interno, ma che vorrei liberare e condividere.

Volevo concludere questo mio post regalando un pezzo di puro erotismo interpretato da due grandi attori sia per capacità che per bellezza:

pi

About Leonardo Aberti

Del 1956, libero professionista che ama la comunicazione sopratutto via web. TRAINER emozionale, opinionista e innovatore