Dal blog da Gran Canaria: serate schioppettanti

E proseguiamo nel discorso interrotto ieri non senza aver prima sanato due dimenticanze!

La prima riguarda i lacci delle scarpe, perché giorni fa, essendo andato a mangiare qualcosa al Blue Marlin, ho voluto fare ancora un tentativo a Puerto Mogan  in un grande negozio/emporio di cinesi, in cui, assistito da una impiegata italiana, sono riuscito finalmente a recuperarne due paia marroni, abbastanza “passabili” per le uniche scarpe quasi invernali con lacci che ho portato con me! La prossima volta che verrà Alessandra le chiederò di metterne in valigia almeno un altro paio di scarpe più un po’ di lacci!

La seconda dimenticanza si ricollega alla macchinetta del caffè, perché nei tempi morti, dovuti ad attese obbligatorie tra una operazione e l’altra per la pulizia di tutti i suoi componenti, è stata anche pulita la piscina con sostituzione del filtro che, sporchissimo, rimetteva in circolo e ributtava in acqua tutto quanto sembrava aspirato sul momento! Cosa che GB aveva ben ipotizzato! Con l’occasione è stata anche riparata la serratura della porta d’ingresso, rovinata da chiusure dall’esterno (dove non c’è maniglia!) a spinta senza uso della chiave! Il che aveva creata una malformazione nella parte dello stipite che poteva essere molto dannosa!

In realtà c’è anche una terza dimenticanza relativa al libretto della mia auto con la definitiva intestazione a me!!! Dopo una telefonata della mia cara Isa a Stefan ho appreso che il libretto regolarizzato era presso il garage da dicembre e che a loro dire mi avevano avvertito più volte con messaggi telefonici (anche se mai a voce quando sono passato da lui in gennaio due o tre volte per vari motivi!) inviati evidentemente, però, sul mio vecchio numero sostituito quando ho fatto il nuovo contratto con minutaggio quasi illimitato! Libretto subito da me ritirato!

MA ANDIAMO AVANTI CON LA BENEVOLENZA

= Sempre la carissima Isa, che si rende disponibile con estrema impagabile semplicità ogni qualvolta occorre, quasi come una persona di famiglia, alcuni giorni fa mi ha accompagnato al Centro De Salud De Maspalomas, in San Bartolome De Tirajana, e ho potuto così avere l’appuntamento con la mia dottoressa per il 6 febbraio, alle (notate i minuti!) 18,44, (ora scelta per dar modo a Isa di accompagnarmi, avendo io necessità di far spiegare bene la mia situazione e le mie esigenze!),  giorno in cui le sottoporrò materialmente tutte le confezioni dei medicinali da me utilizzati, affinché lei si possa rendere conto di individuare quelli corrispondenti spagnoli in base ai principii attivi del medicinale! Ciò perché tra non molto avrò terminato la scorta portata prima da me il 4 novembre e poi a Natale da mia figlia!

= Altra persona che ha mostrato fin dall’inizio una davvero affettuosa indulgenza nei miei confronti, è colei che viene ormai da qualche mese il lunedì a rassettare casa e che provvede ad acquistare tutti i prodotti necessari man mano che finiscono! Una carissima ragazza anche lei, che da poco ha perso il maggior suo posto di lavoro ed è alla ricerca di un altro, senza pericolo però per me visto che mi ripete continuamente che … non mi abbandonerà mai! Spero vivamente che trovi una sistemazione che le permetta comunque in un qualsiasi giorno della settimana di venire da me per le poche ore occorrenti! Frattanto, però, per darle una mano, ma anche perché ne ho io un vero bisogno, le ho chiesto di venire da me per un paio d’ore, pagando il dovuto, anche in un altro giorno della settimana, quello che le fa più comodo ed eventualmente volta a volta anche diverso perché a me non cambia proprio nulla! Con l’impegno che in tale occasione ci si parli tra noi esclusivamente in spagnolo, che lei, ungherese, conosce abbastanza bene mentre l’italiano le è piuttosto ostico pur se lo comprende per quanto è necessario ed anche più! Abbiamo iniziato questa settimana, poiché oggi che scrivo è domenica, ed è stata cosa molto utile in quanto, tra l’altro, ho approfittato della sua presenza (e ne approfitterò nelle prossime occasioni se e quando necessario o solo opportuno ad esempio per i supermercati e simili!) per recarmi al vivaio per confermare la mia necessità di avere una visita mensile di un tecnico per il controllo del mio procedere con il fico, il limone, la bouganvillea e l’aloe regalatami da un invitato al mio compleanno senza che nessuno mi avvertisse,  per cui, partita Alessandra, casualmente giorni dopo l’ha scoperta, nascosta nel mobiletto esterno sul terrazzo, GB che poi, nel suo girovagare in Puerto Rico, ha comprato un vaso e della terra per piantarla con successo!
Abbiamo, quindi, (meglio dire HA, la ragazza!) al vivaio parlato con gli addetti e spiegato ciò che volevo e domani mattina verrà un giardiniere in presenza anche di lei (che viene, come detto, fissa appunto il lunedì!) per chiarirmi bene le quantità d’acqua necessarie per ciascuna pianta ma soprattutto per prendere atto che i miei fichi (buonissimi!) purtroppo si aprono quasi tutti spaccandosi ben prima di essere davvero maturi! Li mangio comunque, e sono buoni, dopo averli ben lavati, ma quei pochi che sono maturati interi hanno un sapore molto migliore e quasi fantastico!
Con l’occasione, ho fatto presente alla ragazza che dopo il vivaio saremmo andati ad una officina meccanica indicatami da Alessio del Blue Marlin sulla strada verso Mogan Pueblo località abbastanza vicina in modo da evitare di dover andare da quello (Stefan Garage, dove ho comprato il “coche”!) a San Fernando ogni volta per i tagliandi di controllo (come ho sempre fatto, responsabilizzando il meccanico affinché la mia auto sia sempre in condizioni perfette!) ma soprattutto a fine febbraio per la revisione biennale! E così ho appreso che lei ha un carissimo amico meccanico a Maspalomas, della cui serietà e bravura garantisce e che è disponibile a venire ogni volta lui a prendere l’auto ed a riportarmela a lavoro finito! Anche per la revisione! Ho detto alla ragazza di fissarmi al più presto un appuntamento con lui, in sua presenza per poterci intendere meglio, anche di sera per un primo contatto!

Finisco cambiando argomento e parlando DELLA CENA A CASA DI MONIA avvenuta venerdì alla quale sono stato invitato, insieme con il quartetto dei soliti altri amici, poiché da lei è venuta per un po’ di giorni la madre con una sua amica, entrambe venete e persone simpaticissime e di grande spirito, e Monia voleva farcele conoscere! È stata una serata schioppettante tra battute e risate (spesso in dialetto veneto e relative “traduzioni” in italiano!); con esito davvero molto divertente; e immortalata in due foto che vi mostro!

Incontro che ha avuto un ulteriore seguito ieri sera con una nuova riunione ancor più movimentata, su imprevista proposta di Carlo al mattino, presso il ristorante Casa Mama Gata a Castillo del Romeral! Penso che i gentili e disponibili camerieri se lo ricorderanno per un po’ per la confusione che abbiamo creato, anche dopo che si sono aggiunti a noi molto più tardi altri tre amici di Carlo, italiani e gestori di un bar, credo, sempre nella famosa “zona” di Maspalomas!

About Alessandra Gaeta

Giornalista freelance